Autunno, Colazione, Regionale
Comments 4

Biscotti di mosto

[Grape juice cookies] Scroll for english version

Stamattina, come capita spesso, per la colazione c’era solo te senza nulla da zuppettarci. Facendo la conta non sono stata molto fortunata, ed è toccato a me uscire al freddo con gli occhi ancora chiusi per andare alla panetteria. Ma la levataccia è stata compensata, con mio grande stupore, dallo scoprire che è giunta l’ora del mosto! In questo unico mese fortunato, si possono gustare i buonissimi e profumatissimi biscotti di mosto marchigiani.

Io riempirei il congelatore se potessi, perché non si trovano poi per tutto l’anno. Ma poi penso al piacere che si prova nell’attesa di un prodotto di stagione e gustarlo fresco! Non mi sono ancora cimentata nell’autoproduzione di questi meravigliosi biscotti di mosto.

Ma ci proverò presto, ovviamente con farina e zucchero integrali e lievito madre, e vi farò sapere. Per ora accontentatevi delle foto e di una ricetta di famiglia, riadattata con ingredienti integrali. Si può preparare benissimo anche con farina e zucchero raffinati.

Questi dolci si trovano un po’ dappertutto qui in questo periodo, e si preparano utilizzando il mosto d’uva. Si possono mangiare così come sono, oppure con la marmellata o la cioccolata. P. li adora con il mascarpone! Se non avete a disposizione il mosto, si può preparare con l’uva schiacciata nel passaverdura e successivamente filtrata, senza fermentazione (per ottenere 500 gr di mosto, occorre all’incirca 1 kg d’uva, preferibilmente da vino).

Ingredienti

  • 500 gr di farina integrale
  • 125 gr di pasta madre rinfrescata (oppure 50 gr di lievito di birra)
  • 250 gr di mosto d’uva
  • 1 uovo
  • 75 gr di zucchero di canna
  • 60 gr  di olio d’oliva
  • 100 gr di uvetta
  • 25 gr di semi d’anice

Per la glassa

  • 100 gr di acqua
  • 125 gr di zucchero

Procedimento

  1. Mettere a mollo l’uvetta e i semi d’anice in 100 gr di mosto. Sciogliere la pasta madre nel restante mosto e aggiungere l’uovo, l’olio e lo zucchero. Mescolare la parte liquida con la farina.
  2. Aggiungere infine l’uvetta e l’anice e lavorare l’impasto per amalgamare bene gli ingredienti. Mettere il composto in una ciotola coperta nel forno chiuso. Far lievitare per 8-10 ore fino al raddoppio dell’impasto (con il lievito di birra occorre molto meno).
  3. Trascorsa la prima lievitazione, formare i biscotti e trasferirli su una teglia ricoperta con carta da forno. La forma può essere la classica treccia oppure semplicemente la forma tonda di un panino (così sono più comodi per spalmarci la marmellata).
  4. Far lievitare per altre 8 ore circa. Infornare per 15 minuti a 180° nel forno preriscaldato.
  5. Nel frattempo preparate la glassa, riscaldando l’acqua e sciogliendovi lo zucchero. Spennellate i biscotti ancora caldi. Quelli comprati stamattina non sono glassati e sono buoni lo stesso.

* This morning, as often happens lately, for breakfast there was only tease. I have to leave out in the cold with his eyes still closed to go to the bakery. But the early rise was offset, to my wonder, to find that it is time the mosto! In this unique lucky month, you can taste the delicious and fragrant cookies marchigiani. I would fill the freezer if I could, because they are not then throughout the year. But then I think of the pleasure you feel while waiting for a seasonal product and enjoy it fresh! 

I have not yet ventured as a craftsman of these wonderful cookies. But I’ll try soon, obviously with flour and sugar grains and yeast, and let you know. For now, settle for photos and a family recipe, adapted from ingredients grains. You can prepare very well with flour and refined sugar. These cakes using grape juice. They eaten as is, or with jam or chocolate. P. adores them with mascarpone! If you are not available to the wort, you can prepare with grapes crushed in the mill and then filtered, without fermentation (to get 500 gr of juice, you should roughly 1 kg of grapes, preferably from wine).

Ingredients

  • 500 gr of wheat flour
  • 125 gr of sourdough cooled (or 50 gr of brewer’s yeast)
  • 250 gr of grape juice
  • 1 egg
  • 75 gr of brown sugar
  • 60 gr olive oil
  • 100 gr of raisins
  • 25 gr of anise seeds

For the frosting

  • 100 gr of water
  • 125 gr of sugar

Procedure

  1. Soak the raisins and anise seeds in 100 gr of grape juice. Dissolve the yeast in the remaining juice and add the egg, oil and sugar. Stir the liquid part with the flour.
  2. Finally, add the raisins and anise and work the dough to mix the ingredients well. Put the mixture in a covered bowl in the off oven closed. Let rise for 8-10 hours until doubled dough (with brewer’s yeast should be much less).
  3. Spent the first rising, from the cookies and transfer them to a baking sheet covered with parchment paper. The shape can be the classic braid or simply the round shape of a sandwich (so they are more comfortable for the docket jam). Let rise for another 8 hours.
  4. Bake for 15 minutes at 180°C in the preheated oven. Meanwhile, prepare the glaze by heating the water and melting the sugar. Brush the cookies when still warm.

Related articles

Annunci

4 Comments

  1. Pingback: Biscotti di mosto marchigiani semintegrali con pasta madre | La Caccavella

  2. Hi, Neat post. There is an issue together with your web site in web explorer, might check this?
    IE nonetheless is the marketplace chief and a huge element
    of other people will omit your fantastic writing because of this problem.

    Mi piace

  3. Pingback: Quadrucci di mosto [Grape juice sweets] | {LaCaccavella}

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...