Pane&Pizze, Pasta madre
Comments 3

Treccine integrali all’olio d’oliva con farina di canapa, rosmarino e pasta madre

[Hemp flour breadsticks with olive oil, rosemary and sourdough] scroll for english version

Questa ricetta è dedicata al pane, alimento che da sempre ha accompagnato le abitudini alimentari dei popoli mediterranei. Azzimo, giallo, di patate e in tutte le forme e le varianti possibili, il pane è stato sempre presente anche nelle cucine più povere. Bastava un pomodoro, olio d’oliva e la cena o la merenda di pastori e contadini era fatta!

In questa variante ho utilizzato la farina di canapa. La canapa è stata riscoperta negli ultimi tempi come coltivazione completa da cui ricavare fibre tessili e prodotti alimentari ricchi di principi nutritivi e fibre. La coltivazione della canapa era molto diffusa nel bacino del mediterraneo, soprattutto per la sua capacità di crescere anche su terreni difficili. La canapa per usi tessili ha una antica tradizione in Italia, molto legata alle Repubbliche marinare, che la utilizzavano per corde e vele.

Il gusto della farina di canapa è molto aromatico, sa quasi di nocciola e il suo colore verde intenso può arricchire svariati impasti. Il pane risulta più digeribile e ha benefici per stomaco e intestino. La farina di canapa contiene tutti gli amminoacidi essenziali e gli acidi grassi polinsaturi, minerali, fibre, vitamine. Protegge il ricambio naturale delle cellule e rafforza il sistema immunitario.
Nella preparazione di torte e biscotti è consigliabile dimezzare la quantità di grassi, poichè la farina contiene già il prezioso e salutare olio di canapa.

treccine,olio d'oliva, olive oil, grissini, breadsticks, canapa, farina di canapa, hemp, hemp flour, rosmarino, rosemary, bread, sourdough, pasta madre, lievito madre

Elogio del pane

Il pane è un tutto disponibile e variato. Pan bianco, pan giallo, pan nero, pan salato, pan pepato, pan trito, pan forte, pan grattato, pan di burro, pan di zucchero, pancotto, panzanella, pan di Spagna, pan degli angeli, pan di piombo, frustino, marzapane, panino, pagnotta, filone, ciambella, sfilatino, rosetta, ciriola, brioshe, crostino, crosta, mollica biscotto, torta, galletta, frittella, filoncino, tozzo, maritozzo, pizza, fetta, focaccia, grissino, pasta pastella pastone crescia crusca cruschella.

Pane integrale, pane corporale, pane sacrificale, pane azimo, pane lievitato, pane miscelato, pane tostato, pane biscottato, pane rinvenuto, pane rammollito, pane quotidiano non sempre apprezzato. Emanazione naturale pane sudato respiro animato.

Pane e companatico. Poco pane e tanto companatico. Eppure quanto è buono il pane! Buono come il pane. Chi o che è più buono del pane? Si dice pane al pane. Si gusta pane e vino. Non piace stare a pane e acqua. Si dice pure se non è zuppa è pan bagnato. Accade di togliersi il pan di bocca o di perdersi per un tozzo di pane. Si mangia il pane a tradimento a uffo. Si può rendere pan per focaccia. Chi perde il pane sa quanto è salato sa quanto costa chi non lo ha assicurato.

Anna Malfaiera


Ingredienti

  • 150 gr di pasta madre
  • 200 gr di farina 0
  • 100 gr di farina integrale
  • 150 gr di farina di canapa
  • 100 ml di olio d’oliva
  • 250 ml di acqua tiepida
  • 40 gr di sale
  • rosmarino fresco

treccine,olio d'oliva, olive oil, grissini, breadsticks, canapa, farina di canapa, hemp, hemp flour, rosmarino, rosemary, bread, sourdough, pasta madre, lievito madre

Procedimento

  1. Sciogliere la pasta madre nell’acqua tiepida, lavorandola delicatamente con i polpastrelli.
  2. Mescolare le varie farine e aggiungere  il rosmarino sminuzzato.
  3. Unire alla miscela di acqua e pasta madre, l’olio d’oliva.
  4. Aggiungere le farine e mescolare con un cucchiaio di legno, infine aggiungere il sale.
  5. Quando l’impasto comincia a staccarsi dalle pareti della ciotola, versarlo su una spianatoia.
  6. Lavorarlo energicamente senza aggiungere troppa farina, fino a quando non raggiunge una consistenza liscia ed elastica.
  7. Lasciarlo a riposo per almeno 6 ore, coperto con un canovaccio umido in un luogo riparato.
  8. Dividere l’impasto in parti uguali e formare le treccine, se necessario inumidire le mani con qualche goccia di olio.
  9. Disporre le treccine su una teglia rivestita precedentemente con carta forno.
  10. Lasciar riposare per altri 30 minuti e poi cuocere in forno preriscaldato a 200° C per 15 minuti.
  11. Una volta raffreddati si conservano a lungo in contenitori chiusi.

treccine,olio d'oliva, olive oil, grissini, breadsticks, canapa, farina di canapa, hemp, hemp flour, rosmarino, rosemary, bread, sourdough, pasta madre, lievito madre


 *This recipe is dedicated to bread, food that has always accompanied the Mediterranean people eating habits. Unleavened, yellow, and potato in all its forms and permutations, the bread was always present even in the kitchens poorest. Took was a tomato, olive oil, and dinner or snack of shepherds and farmers had done it!

Ingredients 

  • 150 gr of sourdough 
  • 200 grams of flour 0
  • 100 grams of wheat flour
  • 150 grams of flour hemp
  • 100 ml of olive oil
  • 250 ml of warm water
  • 40 g salt
  • fresh rosemary

Process 

  1. Dissolve the yeast in the lukewarm water, kneading gently with your fingertips.
  2. Mix the various flours and add the chopped rosemary.
  3. Combine the mixture of water and sourdough, olive oil.
  4. Add flour and stir with a wooden spoon, then add the salt.
  5. When the mixture begins to separate from the sides of the bowl, pour it on a board.
  6. Knead vigorously without adding too much flour, until it reaches a smooth consistency and elastic.
  7. Let it rest for at least 6 hours, covered with a damp cloth in a sheltered place.
  8. Divide the dough into equal parts and form braids, if necessary, moisten your hands with a few drops of oil.
  9. Arrange the braids on a baking sheet lined with parchment paper before.
  10. Let stand for 30 minutes and then bake in a preheated oven at 200 ° C for 15 minutes. 
  11. Once cooled are durable in closed containers.

Related articles

Annunci

3 Comments

  1. Pingback: Tagliatelle di farina di canapa con zucca, gorgonzola e mandorle tostate | La Caccavella

  2. TINe says

    Adoro i prodotti a base di canapa e stavo giusto meditando l’acquisto della farina per fare degli esperimenti panificatori! Userò la tua ricetta, allora!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...