Mese: novembre 2015

lacaccavella, foodcolors, anicestellato, staranise, brown, warmcolor, coloricaldi, spezie, spices

Food&Colors: Anice stellato

Per il mese di Dicembre ho scelto una spezia dai colori caldi e dal profumo avvolgente. L’aroma riporta subito alla mente dolci e biscotti. Serate in famiglia o con gli amici davanti al camino. La magia delle feste si sprigiona sempre dalla cucina. Dati i molteplici impegni non riuscirò a pubblicare tante ricette natalizie, ma sappi che qui a casa come nel blog l’aria di Natale è già arrivata. Nome in codice: Illicium verum Proprietà e benefici: una spezia molto bella da vedere ma anche ricca di proprietà. Originario dell’Asia ha un leggero sentore di liquirizia e non va consumato in dosi eccessive, potrebbe avere controindicazioni soprattutto nei bambini. Antibatterico e antinfiammatorio, aiuta l’apparato digerente e l’eliminazione del muco in caso di tosse. Ricco di ferro e calcio, ha un’alta percentuale di vitamina C. Da non confondere con l’anice verde che, anche avendo un profumo simile, fa parte di un’altra famiglia. Usi: l’uso in cucina è legato soprattutto a preparazioni dolci, come torte e biscotti, ma è indicato anche per le carni bianche e le …

Vota:

Pizzoccheri di grano saraceno con verza, patate e speck

I pizzoccheri sono un formato di pasta tipico della Valtellina, proveniente dalla tradizione popolare e contadina. La forma tipica di tagliatelle corte ha dimensioni precise, 1 cm per 7 cm di lunghezza. Nati attorno al ‘600 come piatto contadino, sono preparati con due parti di farina bianca e una parte di farina di grano saraceno. L’utilizzo del grano saraceno è fondamentale, altrimenti non sarebbero pizzoccheri. Di origine asiatica, il suo uso si è diffuso nell’Europa dell’Est e nel Nord Italia durante il medioevo.

La ricetta tradizionale, che non ho seguito alla lettera, prevede la cottura dei pizzoccheri insieme alla verza e le patate. Successivamente sono disposti in teglia e coperti di formaggio Casera DOP della Valtellina e burro fuso con aglio. Esiste anche l’Accademia del Pizzocchero dove sono descritti minuziosamente la preparazione, gli ingredienti e le misure esatte. Spero di non ricevere un richiamo ufficiale con questa variante!

Vota:

lacaccavella, foodcolors, zucca, pumpkin, fall, autunno, arancione, orangecolor

Food&Colors: Zucca

Novembre è sinonimo di zucca, con il suo arancione intenso scalda i colori dell’autunno e ravviva torte e zuppe calde. Mi piace in tutte le salse, l’hai mai provata fritta, con il peperoncino? Una vera delizia. Le nuance sono tipiche dell’autunno, a seconda della tipologia e del grado di maturazione variano dal giallo chiaro all’arancione intenso. Nome in codice: Cucurbita maxima Proprietà e benefici: originaria dell’America Centrale, la zucca ormai fa parte della nostra alimentazione. Si raccoglie a fine estate e si può conservare per tutto l’inverno. La polpa è ricca di caroteinoidi, minerali e vitamine del gruppo C e B. Povera di zuccheri è indicata anche nelle diete ipocaloriche. Il succo allevia i disturbi gastrici e i semi sono ricchi di proprietà benefiche. Usi: la cottura al vapore ne conserva le principali proprietà. Per il suo gusto leggermente dolce si presta sia a preparazioni dolci che salate. Ottima come contorno, nel ripieno dei tortelli, nel passato di verdura e nelle torte. Con la polpa si possono preparare anche maschere per il viso, l’effetto idratante …

Vota:

lacaccavella, muffin, farinacastagne, uva, grape, chestnut, sweet

Muffin con farina di castagne e uva fragola

Ci riprovo con la farina di castagne, dopo i tortelli è l’ora di provare i muffin. L’abbinamento con l’uva mi è venuto naturale. Ma potrebbe essere sostituita anche da mirtilli, uva spina o ribes. Tieni conto che la farina di castagne è leggermente dolce, quindi l’abbinamento con un frutto un po’ asprigno ci sta bene.

Questi muffin sono ottimi per la prima colazione, ma anche per accompagnare il te pomeridiano, io li proverei con un te al bergamotto o un infuso di frutti rossi, ma anche con il te verde. Ho usato stampi singoli in silicone per i muffin, ma nulla vieta che si può provare anche un singolo dolce, per esempio in uno stampo da plumcake. La quantità basta per 6 muffiti grandi. La consistenza è soffice e leggera.

Vota: