All posts filed under: Pane&Pizze

lacaccavella, tortilla, incarrozza, salsayogurt, peperoniinpaella, mtc72

Tortilla in carrozza con peperoni in paella

Dopo la ricetta classica, ecco la versione rivisitata. Ho cercato la soluzione dentro di me, come suggerito da Alessandra, senza andare troppo lontano. E ovviamente dentro di me si parla napoletano, quindi alla carrozza il passo è breve! Gli ingredienti che dovevano esserci erano le uova e le patate, ho aggiunto la scamorza.

La mozzarella in carrozza, a cui mi sono ispirata, è una ricetta tipica campana, che si prepara con pane raffermo e mozzarella. Si forma un panino con due fette di pane, con al centro la mozzarella, si impana e si frigge … naturalmente.

Vota:

Annunci
lacaccavella, pizza integrale, salsa di peperoni, zucchine, patate, melanzane, scamorza, mtc58

Pizza integrale con salsa di peperoni, verdure di stagione e scamorza affumicata (pasta madre, lunga lievitazione)

La brezza estiva va a braccetto con le verdure grigliate, la caponata, l’origano e il basilico. In questa pizza ho cercato di intrappolare questa atmosfera, tra il lievito madre e la farina integrale. La ricetta è molto semplice e può essere preparata anche con altre verdure…

Vota:

lacaccavella, pizzaintegrale, lievitodibirra, fioridizucca, alici, mozzarella, mtc58

Pizza integrale con fiori di zucca, mozzarella e alici (lievito di birra, media lievitazione)

La pizza è il tallone d’Achille di tutti i napoletani! Scatena accesi dibattiti tra puristi, estimatori e semplici assaggiatori. C’è chi sostiene che è impossibile replicarla in casa e chi invece ci riesce con successo, per la gioia di amici e parenti.

Personalmente non mi sono mai posta il problema, preparo la pizza casalinga quasi tutte le settimane, con farina integrale e pasta madre. Ogni volta è una scoperta, pur utilizzando sempre la stessa ricetta viene sempre diversa, alta, morbida, croccante a seconda del clima, dell’umore o del tempo che impiego ad impastarla.

Quella napoletana la lascio fare agli esperti e la mangio in pizzeria, esclusivamente a Napoli e rigorosamente margherita tagliata in otto parti e gustata con le mani! …

La ricetta proviene dal disciplinare della pizza napoletana. Per la prima proposta ho deciso di utilizzare il lievito di birra, soprattutto perchè lo uso poco e avevo voglia di provare. Ho seguito alla lettera le indicazioni, anche perchè sono operazioni che non faccio mai. Con un piccolo accorgimento che ho imparato utilizzando spesso la farina integrale…

Vota:

lacaccavella, focaccia, granoarso, olive nere, cipolle, olive, onions, bread

Focaccia di grano arso con cipolle rosse, olive nere e finocchietto

[Olive and red onions bread] scroll for english version Era da tempo che volevo sperimentare con la farina di grano arso. Dopo averci provato con la pasta era tempo di tentare con la focaccia. Quale occasione migliore della Settimana Nazionale della Focaccia? Il Calendario del Cibo Italiano, promosso dall’Aifb, dall’11 al 17 aprile dedica un’intera settimana a questa preparazione così italiana. Se ne vedranno di tutti i gusti, quindi ti consiglio di leggere l’approfondimento di Monica Costa del blog FotoCibiamo. La farina ottenuta dal grano bruciato (arso) è una tradizione tipica del territorio di Foggia. La sua produzione risale a tempi lontani, quando i mezzadri raccoglievano i chicchi di grano rimasti dal raccolto, dopo la bruciatura delle stoppie. Allo stato attuale non è più possibile ottenere il grano arso con la stessa procedura, ma solo attraverso la tostatura dei chicchi e la seguente macinatura. La farina ottenuta ha una consistenza molto polverosa, un sentore di nocciola tostata e caffè e un profumo molto intenso. Viene utilizzata insieme ad altre farine per il pane e la …

Vota:

lacaccavella, pizzapiena, pizzachiena, ricettapasqua, crostata, rustica, napoletana

Pizza piena di Pasqua (ricetta tipica napoletana)

Tra le ricette di Pasqua, questa è quella a cui sono più affezionata. Mi ricorda le feste trascorse dalla nonna e la tavola imbandita fino all’inverosimile. La pizza chiena la faceva da padrona.

Una preparazione meno nota della sua sorella maggiore, la pastiera, ma altrettanto ricca e saporita. In realtà si tratta di una ricetta di recupero. Una sfoglia dolce, magari avanzata dalla preparazione di taralli e pastiere, e un ripieno salato preparato con gli ingredienti disponibili. Immancabile la ricotta, le uova e la provola affumicata. Arricchiti con salumi e cicoli, nella parte dei canditi.

Vota: