All posts tagged: Anice

lacaccavella, tiramisu, varnelli, ricetta, italiaintavola

Tiramisù al Varnelli con savoiardi fatti in casa

Nel post di oggi affrontiamo un classico della pasticceria italiana. Ne esistono infinite versioni, ognuno in famiglia lo prepara con la sua ricetta preferita. C’è chi lo vuole molto inzuppato, chi lo preferisce asciutto con poco caffè, chi invece lo prepara con biscotti diversi dai savoiardi.

Questa è la mia personale versione aromatizzata al Varnelli, un liquore secco all’anice che ho scoperto qui nelle Marche. La morte sua è con il caffè, allora mi sono detta che sarebbe stato perfetto nel tiramisù! Così mi sono sacrificata per collaudare l’abbinamento, la ricetta funziona anche senza.

Stavolta mi sono cimentata anche nella preparazione dei savoiardi, che in realtà sembrano biscotti semplicissimi e invece non lo sono affatto. Prima di raggiungere un risultato decente e fotografabile ne è passato di tempo. Il composto dovrebbe risultare spumoso, ma nello stesso tempo sodo da riuscire a stare in piedi. Io ci ho provato e la prima volta è stato un vero disastro, il sapore era buonissimo per carità, ma sembravano lingue di gatto più che savoiardi. Ho dovuto rinunciare anche alla farina e allo zucchero integrali, non sono utilizzabili in un biscotto che deve risultare così spumoso, ma prima o poi ci riuscirò, non demordo.

Vota:

lacaccavella, biscotti di mosto, marchigiani, utunno, marche, mosto, uva, grape juice, cookie, autumn, fall, cookies

Biscotti di mosto marchigiani semintegrali con pasta madre

Qui nelle Marche autunno è sinonimo di biscotti di mosto, il loro profumo invade case e panetterie. Ne avevo già parlato nei primi mesi di questa bella esperienza con il blog. Ma mi ero limitata ad assaggiarli per voi e a condividere una ricetta di famiglia. Finalmente ho provato a farli dopo insistenti richieste di P. che ne va particolarmente ghiotto.

In questo periodo è capace di uscire appena sveglio pur di averli freschi per la colazione, e vi assicuro che per lui, notoriamente poco mattutino, è davvero un sacrificio. Se devo essere sincera però quelli che si trovano in giro hanno un piccolissimo difetto, non me ne vogliano i marchigiani. La loro morbidezza dura all’incirca mezza giornata. Probabilmente sarà per la presenza massiccia del lievito di birra, che li rende soffici e morbidi.

Vota:

crema, cream, vellutata, finocchi, fennel, anice

Crema di finocchi all’anice

Le creme e le vellutate sono un’ottima idea per una cena veloce. Bastano verdure, crostini e un minipimer e la cena è servita. Mi piacciono molto perché sono facili da preparare e da improvvisare. Anche un banale minestrone può diventare una raffinata vellutata.

Con i finocchi non avevo mai provato, anche perché li preferisco crudi. Devo ammettere che mi hanno piacevolmente sorpresa. Un gusto fresco e leggero adatto anche agli inizi di primavera. Può essere anche un’ottima occasione per recuperare le foglie più esterne dei finocchi.

Vota:

miele, uva, zucchero, honey, grape, jelly, conserve, noci, parmigiano, nuts

Miele d’uva

Tra i profumi d’autunno quello dell’uva è certamente il più caratteristico. Dopo la faticaccia della rosa canina, mi sono dedicata ad una conserva semplice e veloce. Il miele d’uva non ha a che fare con le api. E’ semplicemente una riduzione di succo d’uva da conservare. Si può usare come dolcificante, al posto del miele, oppure per accompagnare arrosti e carni. E’ molto buono anche con i formaggi freschi o stagionati. Da provare anche sui crostini imburrati.

Vota: