Ingredienti
Comments 9

Erbe aromatiche

[Herbs my love!] Scroll for english version

Oggi vi presento le erbe aromatiche del mio davanzale, anche perché un balcone non ce l’ho. Se ce l’avessi coltiverei volentieri anche pomodori e zucchine. Sono quelle che uso di più sia in cucina che per intrugli vari. Le erbe aromatiche più comuni sono facili da coltivare, non hanno bisogno di particolari cure o di molto spazio. Possono insaporire tutti i tipi di piatti ed hanno proprietà fantastiche anche per tisane e cosmetici fatti in casa. Di seguito una piccola descrizione e l’uso che ne faccio io.

erbe

  • Basilico Greco: varietà più piccola del classico basilico, adatta a climi più freddi. Ha un sapore più dolce e delicato. Lo uso insieme al basilico classico per esaltarne il sapore.
  • Basilico: originario della Persia, il suo nome vuol dire “erba del re”. E’ preferibile usarlo fresco, ma si può anche conservare per l’inverno, raccogliendolo quando è in piena fioritura e facendolo essiccare in un luogo fresco e asciutto. Consumato crudo aiuta la digestione. L’infuso cura il raffreddore, e calma i piccoli dolori e i crampi addominali.  * In napoletano si chiama “vasenecòla“, che letteralmente vuol dire baciare Nicola.
  • Rosmarino: il suo nome vuol dire “rugiada di mare”, il suo profumo intenso dura tutto l’anno, per cui si può sempre consumare fresco. E’ tra le più antiche usate in cucina, il pollo e le patate sono tra i suoi piatti preferiti, ma anche i sughi e le salse. Uso spesso l’infuso nelle lozioni per detergere il viso, nel tonico per pelli grasse e come ultimo risciacquo per il capelli. Mescolato con aceto di mele (metà infuso, metà aceto) lucida e fortifica i capelli, dopo l’applicazione di hennè è una mano santa. * In napoletano si chiama “rosamarina” e si usa dire tené ‘e vizie d’a rosamarina (ha i vizi del rosmarino), per indicare l’essere insopportabili e colmi di difetti.
  • Timo: il suo nome vuol dire forza e coraggio. Si usa fresco ed essiccato per insaporire piatti di carne, pesce, verdure cotte e formaggi, rendendoli più digeribili e prolungandone la conservazione. I suffumigi di timo calmano la sinusite, l’infuso è utile per il bagno e per le pelli grasse, ridotto in polvere e mescolato con argille bianca ha potere sbiancante per i denti.
  • Santoreggia: detta anche erba pepe. Le sommità fiorite si raccolgono per l’essiccazione, il loro infuso cura le ulcere della bocca. Si usa soprattutto con la cacciagione, mia madre la usa per insaporire il ragù e la genovese. E’ ottimo anche nel coniglio all’ischitana e nelle braciole. Stimola il cuoio capelluto ed ha proprietà stimolanti, una tisana di salvia e santoreggia potrebbe anche sostituire un caffè. * In napoletano si chiama “pepèrna” o anche peperella, per il suo sapore piccante.
  • Salvia: il suo nome vuol dire salute. Il mio uso preferito è con il burro per condire paste ripiene, ma va benissimo anche con le patate e con le carni bianche. Ha proprietà calmanti, cicatrizzanti, digestive e deodoranti. Ad uso esterno, l’infuso è molto efficace per i capelli e nella formulazione del deodorante, le foglie per sbiancare i denti.
  • Origano: diffusissimo sopratutto nelle regioni meridionali, è un disinfettante naturale. Il suo aroma molto intenso si sposa alla perfezione con i pomodori e la pizza. Le sommità fiorite si fanno essiccare in mazzi appesi all’ingiù, in locali ben areati al riparo dal sole. Come decotto è molto efficace in caso di tosse e difficoltà digestive. E’ un efficace repellente naturale per le formiche. * In napoletano si chiama “arècheta“.
  • Maggiorana: originaria del Medioriente, è considerata il simbolo della felicità. Antispasmodica e calmante, cura nevralgie e dolori reumatici. E’ utilizzata per il suo aroma, che si distingue dall’origano per l’odore e il gusto più delicati.
  • Prezzemolo:  l’aroma immancabile. Utilizzato fresco è molto utile in caso di anemia, le sue foglie hanno un alto contenuto di vitamina A e C . Mia nonna se lo portava dietro e lo annusava in caso di mal d’auto. * In napoletano si chiama “petrusino” dal nome latino. Famoso il proverbio petrusino ‘e ogne menèsta (cioè prezzemolo che entra in ogni minestra).
  • Lavanda: il mio aroma preferito. E’ bella da guardare in un giardino, i fiori essiccati profumano la biancheria e conciliano il sonno se posti nel cuscino. Uso il suo olio essenziale praticamente dappertutto, dagli infusi per il bagno alle lozioni per corpo e capelli.
  • Melissa: comunemente detta limoncella, somiglia molto all’ortica. Efficace contro la nausea, e dolori reumatici e mal di testa. Le foglie fresche tritate possono insaporire insalate, minestre e frittate. L’infuso, dal gradevole profumo di limone è un ottima bevanda rinfrescante. L’essenza pura è ritenuta stupefacente!!!

Fonti: Enciclopedia delle Erbe, Edizioni del Baldo; Manuale di Fiori ed erbe, NumusEdizioni; Dizionario Etimologico Napoletano, Edizioni del Delfino.


* Today I present the herbs from my sill. This is the first of posts on “essential”, ingredients in my kitchen that never fail. The most common herbs are easy to grow, do not need any special care or a lot of space. They can add flavor to all kinds of dishes and have fantastic properties for herbal teas and homemade cosmetics. Here is a small description and the use that I do. 

  • Basil Greek : smaller variety of the classic basil , suitable for colder climates. It tastes sweeter and more delicate. I use it along with the classic basil to enhance the flavor. 
  • Basil : A native of Persia , his name means “king of grass”. It ‘ best to use fresh, but you can also keep it for the winter, picking it up when it is in full bloom and making it dry in a cool, dry place. Consumed raw helps the digestive process. The infusion cure the common cold, and calm the little pains and abdominal cramps. * In Naples is called ” vasenecòla “, which literally means to kiss Nicholas. 
  • Rosemary : its name means “dew of the sea”, its intense fragrance lasts all year round, so you can always eaten fresh. And one of the oldest used in cooking, the chicken and potatoes are among his favorite dishes, but also gravies and sauces. I often use the infusion in lotions for cleansing the face, in the tonic for oily skins and as a final rinse for hair. Mixed with apple cider vinegar (mid infusion, half vinegar) glossy and fortifies the hair after the henna application. 
  • Timo : its name means strength and courage. It is used fresh and dried to flavor meat dishes, fish, cooked vegetables and cheese, making them more digestible and prolonging its preservation. The infusion of thyme calm the sinusitis, and is useful for the bathroom and for oily skin, reduced to powder and mixed with white clay has whitening power for your teeth. 
  • Savory : also known as pepper grass. The flowering tops are harvested for drying, their care infused mouth ulcers. My mother uses it to flavor the meat sauce and the Genoese. It ‘ also great in the rabbit Ischia and chops . It stimulates the scalp and has stimulant properties , an infusion of sage and savory could also replace a coffee. * In Naples is called ” pepèrna ” or even peperella , for its pungent flavor. 
  • Sage : its name means health. My favorite use is to flavor the butter stuffed pasta, but it goes very well with potatoes and white meats. Has calming , healing, digestive and anti sweat. For outdoor use, the tea is very effective for the hair and in the formulation of deodorant, leaves to whiten your  teeth. 
  • Oregano : widespread especially in the southern regions, is a natural disinfectant. Its intense aroma goes perfectly with tomatoes and pizza. The flowering tops are dried in bunches hanging downwards, in a well- ventilated place away from sunlight. How decoction is very effective for coughs and indigestion. It ‘ an effective natural repellent for ants . * In Naples is called “arècheta”. 
  • Marjoram : is the symbol of happiness. Antispasmodic and sedative, cure neuralgia and rheumatic pains. Used for its aroma, which stands for dall’origano the smell and taste more delicate. 
  • Parsley : the aroma inevitable. Used fresh is very useful in cases of anemia, its leaves have a high content of vitamin A and C. My grandmother took him back and sniffed in the event of sickness. * In Naples is called “petrusino”. 
  • Lavender: my favorite flavor. It nice to look at in a garden, dried flowers perfume the linen and combining sleep if placed in the pillow. Using its essential oil almost everywhere, from tease for the bath lotions for body and hair. 
  • Melissa : commonly known as lemongrass , nettle is very similar. Effective against nausea, and rheumatic pains and headaches. The chopped fresh leaves can add flavor to salads, soups and omelette. The infusion, with a pleasant lemon scent is an excellent refreshing drink.

Related articles

Enhanced by Zemanta
Annunci

9 Comments

  1. Pingback: Perugia Flower Show 2014, una bella passeggiata di primavera | La Caccavella

  2. Pingback: Regali fai da te per Natale [Homemade Christmas gifts] | {LaCaccavella}

  3. Pingback: Pizza integrale con patate e cipolle [Whole wheat pizza with potatoes and onions] | { La Caccavella }

  4. Pingback: Gnocchi porri e salvia [Leeks and sage gnocchi] | { La Caccavella }

  5. Monica says

    Ciao Mariuccia.
    La spiegazione sulle erbe aromatiche è molto interessante!
    Visto che ho il giardino pieno di rosmarino e salvia, potresti spiegarmi meglio come utilizzarli (a parte in cucina!!!!)??? 😀
    ^_^

    Mi piace

    • Ciao,
      grazie per il commento e benvenuta nel mio blog. La salvia e il rosmarino prima dell’inverno vanno potate, quindi fai una bella scorta anche per la cucina. Raccoglile in mazzetti e mettile appese a testa in giù in un luogo fresco e ventilato. Una volta essiccate puoi sminuzzarle e conservarle in barattoli di vetro. Per usi diversi da quelli culinari, prepara un bell’infuso. Fai bollire l’acqua, togli dal fuoco e immergici le foglie di salvia e rosmarino, copri e lascia in infusione finché non si raffredda. Puoi usarlo come ultimo risciacquo per i capelli, da solo o con aceto di mele. Va benissimo anche come tonico per il viso, ma va conservato in frigo, dura al massimo per 15 giorni. Se ti avanza puoi anche congelarlo e usarlo quando ti serve. L’infuso di salvia va bene anche per la preparazione del deodorante con allume di potassio (a breve posterò la ricetta)

      Mi piace

    • Monica says

      Grazie Mariuccia!!
      Oggi farò l’infuso per i capelli!!!! 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...